Freshwater

Perlagione di massima qualità, forme fantasiose, infinite variazioni di colore…la competitività delle perle Freswater, le perle di coltura più simili alle perle naturali

Analisi e certificazione perle d'acqua dolce della Cina
Certificazione perle d'acqua dolce Freshwater

In breve…

Le perle d’acqua dolce sono perle coltivate prive di nucleo, ovvero costituite quasi interamente da strati di madreperla; questa composizione le rende molto resistenti e simili alle perle naturali. Frequentemente le perle freshwater hanno forme irregolari, dimensioni medio-piccole, colorazioni fantasiose e lucentezza contenuta. Nonostante la qualità delle loro caratteristiche, le perle d’acqua dolce sono generalmente più economiche delle perle d’acqua salata. Questo perchè la Cina, leader nella coltivazione delle perle freshwater, riesce a produrre quantità di prodotto superiori a quelle richieste dal mercato, soprattutto grazie alla resistenza e alla produttività dell’ostrica produttrice Hyriopsis Cumingii.

ADRIANO GENISI e le perle d’acqua dolce

Adriano Genisi è un professionista della selezione e dell’acquisto di perle Freshwater. Svolge con passione la sua attività di consulente aziendale da quasi 20 anni, affiancando numerose aziende del settore gioielleria nelle delicate attività di marketing d’acquisto e concertazione con i fornitori.

Le perle d’acqua pura

Luoghi di coltivazione delle perle Freshwater

Le perle d’acqua dolce sono coltivate in laghi, fiumi, baie e canali d’irrigazione di tutto il mondo. Molte coltivazioni sono presenti in Giappone e negli Stati Uniti, ma è la Cina il paese produttore della quasi totalità delle perle coltivate d’acqua dolce in commercio. Queste perle sono denominate anche perle cinesi e nell’ambito commerciale sono comunemente dette perle Freshwater.

Un’ostrica piccola ma instancabile

Le peculiarità dell’ostrica Hyriopsis Cumingii e delle sue perle

Le perle d’acqua dolce sono prodotte dall’ostrica Hyriopsis Cumingii (detta anche “san jiao bang” o “triangle shape”), un mollusco non molto grande ma coriaceo e decisamente resistente. Le sue capacità produttive superano abbondantemente quelle delle altre varietà di ostriche. L’Hyriopsis Cumingii è infatti capace di produrre numerose perle contemporaneamente, e su entrambe le valve durante la stessa coltivazione. Inoltre può essere utilizzato per tre raccolti consecutivi e si adatta benissimo alle più diverse condizioni ambientali.

La coltivazione delle perle Freshwater

Certificazione qualità perle d'acqua dolce Freshwater Analisi e certificazione perle d'acqua dolce cinesi Adriano Genisi, certificazione e consulenza perle d'acqua dolce

Hyriopsis Cumingii, produttrice delle perle Freshwater.

Bacino d’acqua dolce cinese con coltivazione di perle Freshwater.

Raccolto di perle presso un’azienda perlifera in Cina.

Le uniche perle coltivate senza nucleo

Tecniche di coltivazione delle perle di coltura senza nucleo

Le perle coltivate d’acqua dolce nascono grazie ad una tecnica diversa da quella utilizzata per la coltivazione delle perle Akoya, delle perle South Sea e delle perle Tahiti. Infatti per innescare la produzione delle perle Freshwater, nel mantello dell’ostrica viene inserito un frammento dell’epitelio di un’altra ostrica, e non un nucleo di madreperla come avviene per le altre varietà di perle coltivate. All’interno del mantello innestato si formerà una perla anucleata, ovvero priva di nucleo e costituita completamente da strati di perlagione. Le perle di coltura ottenute con questo metodo, possiedono una composizione ed una struttura davvero simili a quelle delle perle naturali.

Le mille forme delle “perle fantasia”

Forme e dimensioni delle perle coltivate d’aqua dolce

Le perle d’acqua dolce hanno una illimitata varietà di forme, le più comuni sono quelle irregolari (barocche, ovali, a bottone, a goccia, a patata, a “chicco di riso”). La forma rotonda è meno frequente, perché, non essendoci un nucleo, è più difficile ottenere un accrescimento perfettamente sferico. La dimensione delle perle freswater è mediamente più grande di quella delle perle Akoya, di solito varia dai 2 agli 11mm. La forma e la dimensione delle perle d’acqua dolce, spingono i designer ad utilizzare spesso questa varietà di perle per creare collane e braccialetti di fili multipli, magari attorcigliati o arricchiti da gemme di altro genere.

Le dimensioni delle perle d’acqua dolce

NOTA: le colorazioni evidenziate in grigio sono le più diffuse

2mm 3mm 4mm 5mm 6mm 7mm 8mm 9mm 10mm 11mm
poco diffuse molto diffuse rare

Le infinite tonalità delle perle freshwater

Colori e lucentezza delle perle cinesi d’acqua dolce

Le perle freshwater sono disponibili in una gamma molto ampia di colori: oltre al bianco e al crema, sono comuni varie tonalità di giallo e arancio. Ma il colore più diffuso nelle perle coltivate d’acqua dolce è sicuramente il rosa (dal salmone al cipria, dal porpora al lilla, dal blu violetto al malva). In genere, le perle d’acqua dolce sono meno lucenti delle perle d’acqua di mare, ciò nonostante, si producono ogni anno moltissime perle freshwater in contro tendenza, caratterizzate da un lustro veramente splendente.

Le colorazioni delle perle d’acqua dolce (colori indicativi)

NOTA: le colorazioni evidenziate in grigio sono le più diffuse

bianco crema chiaro crema scuro giallo arancio
salmone rosa viola argento

Qualità a prezzi accessibili

L’accessibilità economica delle perle freshwater

Le perle d’acqua dolce sono, in assoluto, le perle di coltura più simili a quelle naturali, in quanto composte quasi interamente da madreperla. Come se non bastasse, questo fattore le rende molto resistenti, e quindi più durature. Nonostante queste caratteristiche, le perle cinesi d’acqua dolce sono più convenienti delle perle Akoya giapponesi. Ciò è dovuto all’elevata percentuale di riuscita della coltivazione in acque dolci, rispetto a quella in acque salate e, soprattutto, alla sovraproduzione della Cina rispetto alla richiesta di mercato.

Merceologia delle perle d’acqua dolce

Le caratteristiche principali delle perle Freshwater

Nomi perle coltivate d’acqua dolce, perle freshwater, perle di fiume, perle di coltura senza nucleo, perle anucleate, perle cinesi
Paesi d’origine Cina, Giappone, Stati Uniti
Luoghi di coltivazione vivai in acqua dolce (laghi, fiumi, baie, stagni, bacini artificiali, canali d’irrigazione delle campagne)
Ostrica Hyriopsis Cumingii, Cristaria Plicata
Tecnica di coltura innesto nel mantello di un frammento di epitelio proveniente da un’altra ostrica Hyriopsis Cumingii, adulta e sana
Approvvigionamento ostriche raccolta delle larve fatte crescere nei laboratori delle aree di coltivazione
Nuclei innestati per ostrica da 20 a 60
Raccolti per ostrica da 1 a 2
Crescita della perla da 2 a 6 anni (l’accrescimento è di circa 2 mm all’anno)
Composizione chimica 84÷92% Ca CO3: carbonato di calcio (calcite ed aragonite), 4÷13% sostanza organica (conchiolina), 3÷4% acqua
Colori bianco, crema, rosa, giallo, arancio, viola
Forme rotondo e semi-rotondo 2%, ovali e a bottone 60%, barocche e semi-barocche 38%
Diametri da 2 a 11 mm
Lucentezza variabile, ma tendenzialmente abbastanza ridotta
Costo mediamente basso
Disponibilità sul mercato alta, la produzione è maggiore della richiesta
Mercati di compravendita Hong Kong, Cina