Compra gioielli e collane di perle di altissima qualità sul mio negozio genisi.com e ricevi il 10% di sconto al primo acquisto!

 

I prezzi della perla d’acqua dolce hanno registrato quest’anno una tendenza al rialzo dovuta alla scarsa produzione a Zhuji, nella provincia di Zhejiang, che produce il 75% delle perle d’acqua dolce del mondo; lo ha riferito di recente il locale quotidiano ufficiale cinese “Qianjiang Evening News”.

 TISSUE-NUCLEATION

 

Nel 2010 e nel 2011, Zhuji ha prodotto rispettivamente circa 3000 tonnellate di perle, mentre il numero è sceso a 1500 tonnellate nel 2013.

Si prevede che il volume della produzione di quest’anno raggiunga 1200 tonnellate, secondo le statistiche compilate dall’ Associazione Professionale delle Perle di Zhejiang (ZPAP).

 

zhuji-pearl-capital-3

 

 

In città i prezzi all’ingrosso delle perle sono aumentati di oltre il 30% quest’anno rispetto all’anno precedente, ha detto un venditore al giornale.

Un filo di perle delle dimensioni dai 9 ai 10 mm ha registrato un aumento  del 67 % nel prezzo all’ingrosso solo quest’anno.

I prezzi al dettaglio dei gioielli di perle al “China Pearl” ed al Jewellery International City, un centro commerciale nella provincia di Zhejiang, sono cresciuti del 30% da settembre a novembre del 2013 , ha riportato l’articolo del giornale.

Il prezzo delle perle non-classificate, appena raccolte è anche aumentato di circa il 40% quest’anno paragonato con lo stesso periodo dell’anno scorso, ha detto al giornale Zhao Xinguang, segretario generale dell’associazione delle perle.

 

xin_26204052420547811110236

 

 

Zhuji,  il posto di produzione di perle più grande della Cina, ha più di 2500 coltivatori e produttori di perle, secondo Qian Hongfei, vice segretario generale dell’associazione, che è stato citato nell’articolo.

L’industria delle perle di Zhuji ha generato 10 miliardi di RMB (circa 1,64 miliardi di $) di ricavi nel 2012.

 

“Prima del 2008, il 75% delle perle di Zhuji sono state esportate; ma il volume delle esportazioni è sceso notevolmente dopo la crisi finanziaria globale, che ha portato a forti cali dei prezzi delle perle. I coltivatori di perle hanno quindi incominciato a svendere le loro ostriche, cosa che ha portato a far cessare l’attività in alcuni allevamenti di perle. Solo i più grossi sono “sopravvissuti”, ha detto il giornale Qian.

 

La produzione più limitata diventerà palpabile quest’anno dal momento che la città entra nella sua stagione di raccolta delle perle, dopo cinque anni di allevamento.

 

200941214558412

 

“Ci vogliono dai quattro ai sei anni prima che si possa effettuare il raccolto. Quest’anno accade che ci sia la stagione del raccolto dal 2008. Questo è il motivo per cui la produzione di quest’anno è piccola,” ha spiegato Qian.

 

6a00e553bc525688340128771882c7970c-800wi

 

 

L.R.

A proposito dell'autore

Da 20 anni Adriano Genisi si occupa di selezione, certificazione ed acquisto di perle coltivate nei paesi d’origine. Collabora stabilmente con importanti realtà produttive del settore gioielleria nel ruolo di consulente aziendale per gli acquisti e l’importazione diretta del prodotto.

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata